Cerca nel sito 
 
Search
Notizie

Investimenti agevolabili in start up innovative


Con decorrenza dal 12 aprile 2016 è stata recepita l’estensione all’anno 2016 delle agevolazioni sugli investimenti in start-up innovative (originariamente previste solo per gli anni 2013, 2014 e 2015), recentemente autorizzata dalla Commissione europea. Le agevolazioni introdotte dall’art. 29 DL n. 179/2012 al fine di favorire la nascita e lo sviluppo di nuove imprese innovative consistono in:
  • una detrazione IRPEF del 19% (25% per le start-up operanti in ambito sociale energetico) delle somme investite in start-up innovative da soggetti IRPEF, fino ad un importo di 500.000 euro per ciascun periodo d'imposta;
  • una deduzione IRES del 20% (27% per le start-up operanti in ambito sociale energetico) delle somme investite in start-up innovative da soggetti IRES, fino ad un importo di 1.800.000 euro per ciascun periodo d'imposta.
A seguito dell’entrata in vigore del DM 25 febbraio 2016, che ha esteso ed aumentato l’incentivo fiscale, le predette agevolazioni spettano:
  • fino ad un ammontare complessivo dei conferimenti ammissibili non superiore a 15 milioni di euro per ciascuna start-up innovativa;
  • purché l’investimento sia mantenuto per almeno 3 anni.
Lo Studio rimane a disposizione per fornire ogni chiarimento ulteriore sull’agevolazione.